Imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro.

GIORNATA NAZIONALE DELLA DONAZIONE

1+x=7

Questa equazione diventa reale solo se dichiari il tuo sì alla donazione di organi e tessuti. Il tuo consenso potrà salvare altre 7 vite in attesa di trapianto. Scegli oggi e scarica il tesserino del donatore sul sito www.sceglididonare.it

ECCO PERCHÈ…

Il soffocamento da corpo estraneo rappresenta un problema rilevante di salute pubblica; esso costituisce una delle principali cause di morte nei bambini di età inferiore ai 3 anni, ma la quota di incidenti rimane elevata fino ai 14 anni di età.

Viene stimato che, in Europa, ogni anno, 500 bambini muoiano soffocati. In Italia, è stato osserva negli ultimi 10 anni, un andamento stabile della quota di incidenti, con circa 1000 ospedalizzazioni all’anno.

Le stime più recenti, calcolate includendo anche i “quasi-eventi” e gli episodi di minore gravità (che si sono risolti grazie all’intervento della famiglia, senza la necessità di rivolgersi ai sanitari), mostrano come l’incidenza reale del fenomeno sia 50-80 volte superiore rispetto a quella dei ricoveri con 80000 episodi stimati, per anno, solo in Italia.

Per questo,  Progetto Rianimazione, ha sviluppato un corso formativo rivolto a genitori, educatori, insegnanti; in generale a chiunque condivida parte del proprio tempo con i bambini …..con l’obiettivo di fornire le nozioni di base per poter intervenire in maniera sicura, tempestiva ed efficace in caso di ostruzione delle vie aeree in età pediatrica, in modo da ridurre la mortalità e gli effetti invalidanti delle conseguenze da ostruzione da corpo estraneo; nello specifico si propone di:

Sapere identificare una situazione in cui sia necessario iniziare il protocollo di disostruzione delle vie aeree.

  • Sapere applicare l’algoritmo per la disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo nel lattante e nel bambino.
  • Sapere attivare in maniera adeguata il sistema di emergenza
  • Eseguire una corretta rianimazione cardiopolmonare.

LA NOSTRA FORMAZIONE

Shares
Share This